Il vero costo della pizza tra qualità e marketing

Qualità non pervenuta. Negli ultimi anni assistiamo a fenomeni incentrati sul marketing che spesso tendono a gonfiare i costi di ciò che mangiamo. Pizza compresa. Basti pensare che vi sono margherite che costano in media 3,8 euro, altre intorno a 7 euro.

Lo conferma l’indagine condotta da RistoratoreTop, agenzia specializzata nel marketing per la ristorazione, che ha intervistato 100 pizzerie italiane di vario livello. Il risultato? Spesso la qualità del prodotto non esiste.

COSTO DELLA PIZZA, FACCIAMO DUE CONTI

La ricerca è partita dal costo di una pizza base: farina, pomodoro e mozzarella. Le palline di impasto per pizza vanno dai 180 ai 280 grammi e necessitano di quasi 16 litri d’acqua per ogni sacco di farina da 25 kg che costa dai 20 ai 40 euro. Per una margherita si utilizzano in media 100 grammi di salsa di pomodoro per un costo che va dai 40 centesimi al chilo agli 1,4. Infine, bisogna aggiungere 100 grammi di mozzarella tra i 3,5 e i 9 euro al chilo.

Non bisogna poi dimenticare altri costi fissi: il personale delle pizzerie, le attrezzature, gli affitti e così via.

Facendo due conti: una pizza margherita di bassa qualità costa al ristoratore 0,64 euro, una pizza media 0,85 euro, una pizza realizzata con ingredienti più ricercati 1,13 euro. Quale sarà il prezzo medio di vendita? Al cliente la prima costerà 3,8 euro, la seconda  4,8 euro, la terza addirittura 6,9 euro. Rincari spesso esagerati, è evidente, e una qualità del prodotto in molti casi inesistente. Qualità che non tutti i consumatori sono purtroppo in grado di riconoscere.

A fare dunque la differenza, il brand e il racconto di ciò che sta dietro una mission aziendale come la lenta e lunga lievitazione dell’impasto o l’idea che ha portato alla nascita di una pizza gourmet.
E c’è chi per una margherita oggi arriverebbe a spendere anche 20 euro. Furbizia o follia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.