Pizza fatta in casa, ecco alcuni consigli

Ti piacerebbe realizzare con le tue mani una buona pizza fatta in casa? E allora se la tua risposta è affermativa sappi che sei al posto giusto al momento giusto perché ti fornirò tutti i consigli di cui necessiti per poter ottenere un risultato più che soddisfacente.

 

Naturalmente per far si che tutto venga svolto alla perfezione bisogna stare attenti a tutto. Partiamo dalla scelta della farina. Per ottenere un buon risultato dunque, è sempre consigliabile utilizzare una farina di tipo 1 con un contenuto proteico del 13%.

Per sapere se la farina contiene questo valore basta consultare l’etichetta dei valori nutrizionali che si trova sulla confezione.

Anche le farine specifiche per pizza vanno bene, ma ce ne sono alcune come la farina manitoba che richiede un tempo di maturazione più lungo, pertanto sarebbe doveroso evitarla.

La scelta del lievito di birra è altresì molto importante. Guarda sempre la data di scadenza e prediligi i cubetti posizionati all’interno.

Attenzione al pomodoro pelato, evita concentrati o passate che rendono la pizza non propriamente buona.

Un occhio di riguardo va posto poi alla mozzarella, meglio se fior di latte o bufala.

Dopo aver elencato gli ingredienti essenziali vediamo come procedere all’impasto della pizza.

Pizza fatta in casa con Impasto diretto

Ci sono due tipi di impasto: diretto o indiretto. La prima tipologia viene eseguita in un’unica soluzione, mentre l’impasto indiretto è realizzato in due fasi distinte. La prima è il pre-fermento dopodichè si passa alla seconda fase, ovvero si unisce il pre-fermento o biga  con la farina di rinfresco in maniera tale da dare vita all’impasto finale.

Vediamo in questo post l’impasto diretto.

Ecco gli ingredienti che occorrono:

  • 1000 g di farina tipo 1
  • 20 g di sale
  • 700 g di acqua
  • 40 g di olio extravergine d’oliva
  • 8 g di lievito compresso fresco

Procedura

In una ciotola metti 200 gr di acqua con il lievito di birra. Fallo sciogliere per bene dopodichè riponi questa soluzione in frigo.

Nel frattempo, metti nella planetaria la farina con la restante acqua e il sale. Dopo tre minuti aggiungi l’olio e continua ad impastare finché il composto non risulterà ben compatto.

Naturalmente in questa prima fase è necessario utilizzare il gancio in seguito toglierlo e posizionare la foglia.

Adesso riprendi la soluzione di acqua e lievito di birra, incorporala nell’impasto e continua per qualche minuto a lavorare il tutto. Il composto dovrà risultare elastico, liscio e ben molle.

A questo punto prendi un recipiente di grandi dimensioni ungilo di olio e riponi all’interno l’impasto, dovrà riposare per almeno due ore. Mettilo in frigo per un’altra ora in modo tale che lieviti come si deve.

Trascorso questo tempo riprendilo, forma delle pagnotte e lasciale riposare per altre 4 ore a temperatura ambiente. Anche qui ogni pagnotta andrà messa in un contenitore oleoso.

Un’ora prima di cuocere la pizza riscalda il forno ad una temperatura di 250°.

Se hai a disposizione la pietra refrettaria prendi l’impasto capovolgilo su una spianatoia infarinata e procedi a stenderlo delicatamente partendo dal centro verso l’esterno. Poni la pagnotta su su una paletta di compensato marino e lasciala cuocere su pietra  per 5 o 8 minuti circa.

Se utilizzi la teglia invece, stendi l’impasto direttamente sulla teglia, versa il pomodoro e inforna per 8 minuti dopodichè aggiungi gli altri ingredienti, copri il tutto con la mozzarella e lascia cuocere per altri 5 minuti.

Oppure, per chi volesse realizzare a casa una pizza in modo più professionale, esiste sul mercato una teglia per pizza che riesce a produrre una temperatura di 400° , proprio come il forno di una pizzeria. In questo caso basteranno solamente 3 minuti per la cottura con un risultato da pizzaiolo provetto !

 

A questo punto la pizza è pronta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.